Spedizione gratis: come ottenerla

Sei un Rivenditore o Installatore? Richiedici il listino

Tabaccheria o Rivendita?

Spedizione solo 5€ Spedizione solo 5€
Spedizione Gratuita sopra i 59€ Gratuita sopra i 59€
Consegna in 1-2 giorni Consegna in 1-2 giorni
Reso gratuito fino a 31 giorni Reso gratuito fino a 31 giorni
Sconti quantità Sconti Quantità
Coupon e premi Coupon & Premi
 Risparmi più di quanto pensi Risparmi più di quanto pensi
Senza abbonamenti annuali Senza abbonamenti annuali

Senape: cos’è, quante varianti esistono e come va abbinata in cucina?

Varietà di senape

Il mondo delle salse d’accompagnamento per piatti a base di carne, pesce o verdure è ampio e variegato. Ci sono quelle diventate un must nelle cucine di tutti gli italiani, come il ketchup o la maionese, e tante altre che invece sono meno conosciute.

Tra queste rientra un condimento che viene particolarmente apprezzato oltralpe in territorio francese e che si può trovare in tante varianti differenti: stiamo parlando della senape, una salsa dal sapore speziato in grado di risaltare in maniera incredibile ogni singola pietanza.

Prima di capire i migliori accoppiamenti possibili, faremo un tuffo nel passato e andremo a capirne di più sulle origini di questa salsa. Vedremo dove nasce, quante sono le varianti disponibili e perché è diventata così importante nel mondo della cucina francese.

Cos’è la senape

Come si legge su nonsolobenessere.it: “Con il termine senape si indicano alcune specie di piante erbacee appartenenti alla famiglia delle Brassicacee o Crocifere. Esistono in particolare tre piante che prendono il nome di: Brassica nigra (senape nera), brassica alba (senape bianca o gialla), brassica juncea (senape bruna o cinese) e brassica arvensis (senape selvatica)”.

Questa pianta fiorisce ogni estate con dei coloratissimi fiori a grappolo di colore giallo che contengono al loro interno dei piccoli semi rotondi.

Le differenze nei vari tipi di senape si notano soprattutto nei semi:

  • La senape bianca ha semi lisci, sferici e di colore giallo ocra
  • La senape nera ha semi più piccoli di colore nero-rossiccio
  • La senape bruna ha semi più grandi di colore marrone scuro

Un viaggio dalla Cina fino a Digione

Senapo

Secondo gli storici, è possibile rintracciare i semi della pianta di senape in Cina già 3000 anni fa, anche se il suo uso è ben noto anche tra le civiltà mediterranee.

Romani, greci ed egizi facevano ampio utilizzo di senape per speziare piatti a base di carne o pesce. Era uso comune, infatti, polverizzare i grani con l’aiuto di un pestello e mescolare poi il tutto per dare una spinta in più al sapore della pietanza.

A differenza di altre erbe aromatiche, infatti, la senape al naturale non ha odore o sapore: stiamo parlando di una spezia che sprigiona il suo gusto caratteristico solo a contatto con un liquido.

Furono i romani a importare in Gallia la senape ma il merito della sua diffusione in territorio francese si ebbe grazie ad Alessandro Magno che raccomandò la coltivazione di questa spezia in tutto il reame.

C’è però una città che più di tutte ha avuto il merito dell’exploit di questo condimento in tutto il mondo. Fu a Digione, infatti, che la senape fece il definitivo salto di qualità da salsa a produzione artigianale a piccola industria.

L’idea fu di due soci, Maurice Grey e Antoine Poupon che nel 1770 misero insieme capitali e macchinari per presentare il proprio marchio di senape. Fu un successo globale, tanto che nella città francese è ancora possibile visitare lo stabilimento dove inizio la produzione industriale della salsa.

I migliori abbinamenti con la senape

Abbinamenti senape

Ora che abbiamo visto come si è sviluppata nel tempo la senape, andremo a concentrarci su quali sono i migliori abbinamenti per le varie proposte che abbiamo disponibili nel nostro store online.

Partiamo dalla più famosa, la senape di Digione caratterizzata da un gusto forte, deciso e piccante. Questa si presta perfettamente ad accompagnare carni, tartare, formaggi e panini gourmet.

Molto apprezzato è anche l’abbinamento a verdure cotte o crude, sottaceti, salumi o, perché no, anche per preparare una marinata per carne o pesce (consigliata per costine di maiale e tonno).

La senape Diaphane è perfetta per chi ama i sapori aromatizzati e una piccantezza di medio livello. È caratterizzata dalla presenza di due senapi al suo interno (gialla e bruna) e dalla presenza di legumi, ortaggi, olio di semi, pasta d’acciughe e aromi naturali.

Questa tipologia di senape si presta perfettamente per accompagnare antipasti a base di carne o verdure, insalate e bolliti.

Per gli amanti delle senapi delicate, il consiglio è quello di utilizzare la senape Dilora caratterizzata da un gusto semi-forte e impreziosita da curcuma, spezie e aromi naturali.

Questa senape e ottima per insaporire sughi e condimenti oppure per variare il sapore delle salse base come la maionese e la besciamella.

Un’altra senape dal gusto particolarmente delicato è la Poivre Vert che deve il suo nome al fatto di essere aromatizzata al pepe verde.

Viene consigliata come abbinamento alle carni rosse perché in grado di esaltare a livelli incredibili il gusto. Provatela accanto a un buon filetto di manzo o a un roastbeef.

Le altre salse disponibili su Eurocali.it

Sale d'accompagnamento

Oltre a questa varietà di senapi che abbiamo visto qui sopra, nel nostro store online trovi anche una selezione di salse di accompagnamento adatte per ogni palato.

Potete trovare, infatti, la salsa kren alla crema di rafano, ideale per chi ama i sapori forti e decisi e perfetta per accompagnare bolliti, arrosti, roastbeef, carni alla griglia, pesce e uova.

Oppure, potete optare per un confit di cipolle in agrodolce, una preparazione che nella sua semplicità è in grado di impreziosire piatti a base di selvaggina, taglieri di formaggio, arrosti, tonno e sgombro.

Condividi

Aggiungi un commento