Illuminazione led pubblica, a che punto siamo in Italia?

Pubblicato: 17/03/2016 15:20:06
Categoria: L'Arte di Illuminare

illuminazione led pubblica

L'illuminazione pubblica è un'infrastruttura fondamentale per garantire la sicurezza delle nostre strade. L'Italia dispone di una rete piuttosto complessa che, soprattutto nelle grandi città, garantisce un'ottimale copertura di tutte le principali arterie e di quelle secondarie.

Ovviamente, ogni comune sceglie in autonomia il sistema da adottare per l'illuminazione pubblica delle sue strade e questo comporta una grande eterogenia nel nostro Paese. 

Tralasciando per un momento la situazione dei centri abitati più piccoli, le medie e grandi città del nostro Paese stanno rapidamente attuando una rivoluzione nell'illuminazione pubblica utilizzando sempre più spesso la tecnologia led.

Sono già tantissime le città che hanno scelto di restaurare interamente gli impianti di illuminazione stradale installando nuove tipologie di lampioni e di lampade che sfruttano la tecnologia led, da molti considerata come il futuro imminente della tecnologia luminosa.

L'impiego dei led porta con sé numerosi vantaggi di carattere pratico ed economico ed è per questo motivo che sempre più amministrazioni comunali hanno scelto di investire in questi progetti, per rendere più sicure le loro strade, per migliorare la visibilità e, soprattutto, per ridurre i costi di gestione e l'impatto ambientale

Entro quanto tempo tutti i comuni italiani passeranno al led?

Facendo un rapido passaggio statistico, i comuni italiani che hanno abbracciato completamente l'illuminazione led per le loro strade non sono nemmeno il 50% del totale ma la crescita è rapida.

Da quanto emerge, l'intervento di ammodernamento degli impianti di illuminazione pubblica è in programma in tantissimi comuni e hanno posto quest'intervento tra quelli da eseguire entro un arco temporale medio-breve, inserendolo tra le priorità comunitarie. 

La stima che viene fatta dagli addetti ai lavori è che entro 5 anni il numero di comuni in cui l'illuminazione pubblica stradale a led sarà installata, sarà triplicato.

Attualmente, la maggior parte dei sistemi di illuminazione pubblica del nostro Paese è ancora affidato alle lampade al sodio, che si caratterizzano per la luce gialla.

Al momento però, la tendenza alla luce bianca è sempre più spiccata, anche se sono in corso numerosi studi per la valutazione della scala cromatica, in modo tale da definire concretamente il concetto di luce bianca e di temperatura di colore: la luce bianca dei led, infatti, presenta sempre una dominanza cromatica ed è importante stabilire quella più adatta in base agli utilizzi, in modo tale da ottimizzare l'intensità luminosa. 

Il progetto del governo italiano

illuminazione led pubblica

Il Governo Italiano ha di fatto stilato una serie di linee guida per le amministrazioni locali, rientranti nel Piano d’Azione per l’Efficienza energetica, che hanno l'obiettivo di raggiungere l'obiettivo 20-20-20 consigliato dall'Unione Europea: in questo senso, l'Italia è piuttosto indietro rispetto ad altri Paesi europei che già da diverso tempo hanno deciso di attuare la linea green, ma gli interventi e gli incentivi attuali possono permettere al nostro Paese di recuperare il tempo perso, mettendosi in linea con le altre realtà dell'Unione. 

Il progetto di riqualificazione dell'illuminazione pubblica in Italia è gestito da Enea nell'ambito del Progetto Lumiere, che monitora la situazione italiana.

Secondo alcuni calcoli, è stato stimato che il consumo di energia elettrica pubblica per abitante nel nostro Paese è di 107 kWh, un'enormità se si considera che il consumo pro-capite in Germania è di appena 50 kWh: questo non significa che il Paese teutonico lasci le sue strade al buio, tutt'altro, significa che le amministrazioni tedesche hanno già attuato un piano di riduzione dei consumi utilizzando le nuove tecnologie per l'illuminazione. 

Tuttavia, non è solo l'Italia a dover fare i conti con gli interventi urgenti per l'adeguamento dell'illuminazione pubblica con gli standard di risparmio energetico, perché secondo stime certe, oltre il 70% dell'energia globale viene consumata proprio dall'illuminazione pubblica

Tornando alla situazione italiana, è necessario che vengano svolti interventi di lunghe vedute, concertati tra le amministrazioni e quindi coordinati da un unico ente.

Solo con una visione d'insieme del Progetto Lumiere è possibile ottenere buoni risultati nell'ambito del risparmio energetico che, in via potenziale, sono stimati tra il 20% e il 50% rispetto a quelli attuali.

Questo permetterebbe alle amministrazioni anche di ammortizzare in tempi accettabili gli investimenti fatti per l'installazione dei moderni sistemi di illuminazione, che non sono sicuramente bassi ma che in un'ottica sul lungo termine permettono notevoli risparmi. 

Inoltre, gli interventi di installazione dei sistemi di illuminazione pubblica led in Italia sono una caratteristica fondamentale per la caratterizzazione delle smart cities, ossia le città sostenibili su cui il progetto SETPLAN a livello europeo sta puntando, con ingenti finanziamenti e contributi per le amministrazioni e i governi che scelgono di aderire al progetto.

Ovviamente, la sola illuminazione pubblica led non basta e dev'essere implementata con altre soluzioni sostenibili, ma è senza dubbio uno degli aspetti determinanti per il raggiungimento degli obiettivi preposti. 

Illuminazione Led Pubblica e Sicurezza

La tecnologia led nell'ambito dell'illuminazione pubblica è piuttosto recente e per questo motivo è ancora in corso un'importante fase di studio per valutarne al meglio gli impieghi.

Infatti, l'illuminazione pubblica deve sottostare a specifiche regole in termini di sicurezza e non sono pochi gli aspetti che ancora meritano di essere approfonditi e valutati affinché questa tipologia di illuminazione pubblica possa finalmente diffondersi omogeneamente su tutto il territorio. 

Tra gli aspetti che devono essere valutati in un impianto di illuminazione led ci sono alcuni fattori imprescindibili quali: 

  • L'angolo di visibilità garantito al campo visivo dell'occhio umano, sia per l'illuminazione all'interno degli edifici pubblici che per quella stradale 
  • Abbagliamento, ossia percezione quantitativa dell'occhio umano 
  • Riconoscimento facciale e dell'ambiente, in riferimento soprattutto all'illuminazione degli uffici e delle scuole, dove è fondamentale garantire la giusta illuminazione sul piano di lavoro. 

Illuminazione Led Pubblica ed Estetica

illuminazione led pubblica a milano

Ma l'illuminazione led, rivoluziona completamente anche il concetto di estetica urbana, come è già possibile notare nelle città italiane che hanno adottato questo sistema di illuminazione per le strade e per le piazze.

Infatti, se fino a poco tempo fa i lampioni e i sistemi illuminanti in strada erano considerati solo degli elementi funzionali per la sicurezza delle città, grazie all'introduzione della tecnologia led si ha anche una percezione più estetica, perché la luce led è in grado di esaltare la bellezza della città, di sottolinearne i tratti culturali e peculiari, senza per questo modificarne la struttura.

Grazie ai sistemi di illuminazione led è possibile porre l'accento sui monumenti e sugli edifici simbolici del territorio, grazie a sistemi luminosi efficienti e dai bassi consumi.

Ovviamente, ci dev'essere uno studio preliminare, ci dev'essere un progetto luci attuabile realizzato da professionisti con una grande conoscenza in materia.

Anche le città che non hanno ancora messo a punto un completo sistema di illuminazione led dell'area urbana hanno però iniziato a impiegare questa tecnologia per l'esaltazione delle bellezze monumentali locali, con spettacolari giochi di luce che mirano a dare alla città un aspetto accogliente anche nelle ore notturne, sottolineando quelli che sono considerati i simboli locali: statue, monumenti, palazzi, fontane e quant'altro vengono illuminati ad hoc. 

I progetti di riqualificazione luminosa nelle città italiane non mancano, ogni amministrazione comunale ha già previsto interventi in questo senso e, chi più e chi meno, ha già cominciato la rivoluzione.

Di strada ce n'è da fare ancora tanta, non si tratta di lavori che possono essere conclusi dall'oggi al domani anche perché gli investimenti richiesti sono ingenti, tuttavia l'Italia è sulla strada giusta per ottenere buoni risultati in termini di riduzione dei consumi e di impatto ambientale, nonché in un'ottica meno funzionale ma maggiormente votata alla valorizzazione estetica delle bellezze del nostro Paese. 

Condividi l'articolo

Vedi tutti i commenti (1)

Edoardo S.


22/06/2016 19:09:16

Buongiorno, l'articolo è molto interessante. Le posso chiedere, oltre ai report del progetto Lumiere (in realtà un po' datati ormai), quali sono le fonti che usa? Grazie!

Aggiungi un commento

 (con http://)