Cappuccino Vegano: ecco il latte per un risultato perfetto.

Pubblicato: 17/05/2018 16:30:35
Categoria: Il Piacere del Caffè

 cappuccino vegano

Fare colazione bevendo un buon cappuccino è il modo migliore per iniziare la giornata, anche e soprattutto se stiamo per prepararci un ottimo cappuccino vegano!

Allergie e intolleranze al lattosio, o semplicemente scelte etiche e salutistiche possono portarci a scegliere un latte vegetale anziché il classico latte vaccino, più grasso e meno digeribile.

Non tutte le tipologie di latte vegetale sono però adatte alla preparazione di un cappuccino vegano: ecco quali garantiscono i risultati migliori e quali, invece, vanno bocciati.

 

Cappuccino vegano con latte di soia

Il latte di soia è la scelta più quotata per il cappuccino vegano: dal sapore simile al latte vaccino e con una discreta percentuale di grassi omega 3 e omega 6 al suo interno, il cappuccino preparato con questo latte vegetale presenta una schiuma densa e corposa, che resiste a lungo senza scomporsi.

Anzi: possiamo garantirvi che la schiuma preparata con il latte vaccino non riuscirà mai ad avere la stessa consistenza di quello di soia, perché la lecitina contenuta al suo interno garantisce un’emulsione e una schiuma così fine e densa che sarà un piacere assaporarla con il cucchiaino.

cappuccino vegano

Cappuccino vegano con latte di mandorla

Fra tutti i tipi di latte vegetale, quello di mandorla è in assoluto il migliore dal punto di vista nutrizionale: presenta una grande percentuale di proteine ed è una fonte insostituibile di vitamine A, D, Omega 6, zinco, calcio, ferro, magnesio e potassio.

Questo latte è perfetto anche per preparare deliziosi cappuccini vegani, perché l’emulsione della schiuma garantisce una cremosità abbastanza durevole, sebbene non ai livelli del latte di soia.

D’altra parte non a tutti piace il retrogusto tipico del latte di mandorla, che può risultare troppo dolce coprendo le note aromatiche del caffè.

A differenza del latte di soia, il latte di mandorla ha un gusto deciso e dalle note forti, più adatto ad emergere che a svolgere il ruolo di accompagnatore.

Cappuccino vegano con latte di riso

Il latte di riso è l’alternativa di latte vegetale più amata dopo quello di soia.

Dal gusto dolce e piacevolmente zuccherino, è facilmente assimilabile e adatto un po’ a tutti.

Anche per la colazione rimane un valido alleato, perché garantisce un ottimo apporto di carboidrati e amidi.

Purtroppo però non è il latte più adatto per preparare un cappuccino vegano, perché al momento di montare la schiuma questa non dura a lungo.

Si formeranno solo piccole bolle in superficie che scoppieranno poco dopo, a causa della bassissima percentuale di grassi contenuta in questo tipo di latte.

Piuttosto che per preparare un cappuccino utilizzatelo per un buon latte macchiato vegetale: saprà conquistare anche i palati più critici!

 cappuccino vegano

Cappuccino vegano con latte di avena

Il latte di avena è fra quelli più digeribili in commercio, perché il suo ridotto contenuto di calorie abbinato a una buona dose di fibre lo rendono facile da assimilare e ricco di sostanze benefiche e nutritive.

Anche nella preparazione del cappuccino vegano da grandi soddisfazioni: la schiuma non è abbondante ma rimane fine e lucida, piacevole da assaporare in bocca.

Il sapore invece collide un pochino con quello a cui siamo abituati: leggermente tostato e dolciastro non è amato da tutti i palati, rendendolo una bevanda vegetale più adatta a vegetariani o vegani di lungo corso.

 cappuccino vegano

Cappuccino vegano con latte di cocco

Il latte di cocco è una di quelle deliziose bevande che hanno il sapore dell’estate: fresco e dal gusto tropicale, è una bevanda in grado di piacere sia agli adulti che ai più piccini.

Anche in questo caso non è però la scelta più indicata per un buon cappuccino: la schiuma non resiste a lungo e tende a disgregarsi rapidamente in tante piccole bolle.

Ovviamente stiamo parlando di un latte di cocco adatto alla colazione, non alle lattine di latte di cocco con alta percentuale di grassi.

In quel caso potrete facilmente ottenere una schiuma densa e corposa, ma decisamente poco adatta a essere consumata a colazione.

Per questa ragione vi consigliamo di consumarlo freddo e in un buon latte macchiato: darà il meglio di sé senza risentire della carenza di schiuma.

Qual è il miglior latte vegetale per il cappuccino vegano?

A nostro parere il tipo di latte con cui ottenere un cappuccino vegano sempre perfetto rimane il latte di soia, seguito a ruota da quello di mandorla.

Assolutamente sconsigliati il latte di cocco e quello di riso, che però sono perfetti per deliziosi e rinfrescanti bicchieri di latte macchiato, soprattutto se serviti freddi.

In ogni caso ricordiamo che la prima regola per preparare un buon cappuccino vagano è partire da un caffè di qualità, aromatico e intenso.

Con una buona base al caffè, qualsiasi latte darà il suo meglio!

 

cappuccino vegan latte vegetale perfetto

Condividi l'articolo

Aggiungi un commento

 (con http://)