Spedizione gratis: come ottenerla

Sei un Rivenditore o Installatore? Richiedici il listino

Tabaccheria o Rivendita?

Spedizione solo 5€ Spedizione solo 5€
Spedizione Gratuita sopra i 59€ Gratuita sopra i 59€
Consegna in 1-2 giorni Consegna in 1-2 giorni
Reso gratuito fino a 31 giorni Reso gratuito fino a 31 giorni
Sconti quantità Sconti Quantità
Coupon e premi Coupon & Premi
 Risparmi più di quanto pensi Risparmi più di quanto pensi
Senza abbonamenti annuali Senza abbonamenti annuali

Ufficio o smart working: ecco i 7 consigli per proteggere la vista davanti al pc

Occhi stanchi pc

Il Covid-19 ha cambiato radicalmente la vita quotidiana di milioni di italiani. Se prima era d’obbligo partire in macchina per andare in ufficio, oggi tutto questo è cambiato (non per tutti) grazie all’introduzione del lavoro in remoto.

Lo smart working, cioè la possibilità di poter lavorare comodamente seduti dal pc della propria abitazione, è stata una delle novità più importanti portate in dote da questa pandemia.

Numerose aziende, chi per obbligo chi per scelta personale, hanno scelto la via del lavoro agile per rimanere aperte e per ridurre al minimo i contatti (e i contagi) tra i dipendenti.

Se da un lato ci sono i benefici di questa modalità di lavoro, dall’altra ci sono i problemi che derivano da chi non è attrezzato in maniera adeguata per lavorare da remoto.

Se da un lato abbiamo una scrivania, un’illuminazione adeguata, una connessione che viaggia senza intoppi, l’altra faccia della medaglia è rappresentata molto spesso da un pc portatile, una lampada a illuminare la zona e una connessione che non sempre lavora in maniera lineare.

Il problema che vogliamo affrontare oggi sono i rischi e le soluzioni che potete adottare per non appesantire gli occhi durante le vostre giornate lavorative.

Attenzione, queste regole si adattano perfettamente sia per chi sta lavorando in smart working che per coloro che continuano a recarsi giornalmente in ufficio.

Mantenete lo schermo del pc pulito

Pulire il pc in maniera costante, magari di mattina prima di iniziare le operazioni di routine, può aiutarvi a vedere meglio e a non appesantire la vista nel corso della giornata. Sembra una cosa banale, eppure non tutti si prendono la briga di fare questa operazione in maniera costante.

Attenzione alla distanza tra schermo e occhi

Il secondo consiglio riguarda la distanza da mantenere tra gli occhi e lo schermo del vostro pc. Sedetevi correttamente e posizionate il monitor ad almeno 50- 60 cm di distanza.

Non avete bisogno di un metro per verificarlo, potete farlo in maniera manuale allungando il braccio per verificare la corretta distanza.

Regolate l’illuminazione

Donna in smart working

Una volta che vi siete occupati della pulizia e del posizionamento, è necessario regolare l’illuminazione dello schermo per evitare fastidi o sforzi nel corso della giornata.

Il consiglio è cercare di regolare la luminosità in base all’ora del giorno, cercando di sfruttare il più possibile la luce naturale di cui disponete.

Potete fare questa operazione voi in maniera automatica, oppure affidarvi alla regolazione automatica che è in grado di scegliere le giuste condizioni d’illuminazione con lo scorrere della giornata.

Scegliete una buona illuminazione

Oltre a regolare la luce dello schermo, è necessario (per non dire essenziale) curare anche l’illuminazione ambientale. Privilegiate l’illuminazione a LED in modo da non appesantire la vista ed evitare riflessi e contrasti eccessivi con lo schermo.

Questa soluzione vi sarà di grande aiuto soprattutto se state lavorando in smart working perché il LED vi consente un notevole risparmio in bolletta rispetto a una lampadina alogena.

A questo potete aggiungere anche una lampada da tavolo, soluzione ideale per avere a portata di mano una fonte d’illuminazione diretta e a basso consumo.

Rispettate le pause

Uno dei problemi più grandi, soprattutto per chi lavora da remoto, è il rispetto della giornata lavorativa. Può essere difficile rimanere concentrati quando si è fuori dall’ufficio, per questo è necessario organizzare la giornata non dimenticando le pause.

Questo permetterà agli occhi di rilassarsi e a voi di staccare un attimo la spina dal vostro lavoro quotidiano.

Approfittatene per fare due passi, sgranchirvi e prendere una boccata d’aria ed evitate, nei limiti del possibile, di utilizzare lo smartphone al fine di non affaticare ulteriormente la vista.

Sbattete le palpebre frequentemente

Uomo davanti al pc

Forse non lo sapete, ma quando guardate lo schermo del pc diminuite la frequenza nello sbattere le palpebre. Per questa ragione dovete sforzarvi a farlo almeno una volta ogni 10 secondi per favorire la formazione l’idratazione dell’occhio in maniera naturale.

Vi consigliamo comunque di tenere a portata di mano un collirio, una soluzione istantanea che idrata gli occhi arrossati e stanchi e che vi permette di arrivare tranquillamente a fine giornata nonostante le ore davanti al pc.

Utilizzate occhiali, lenti a contatto o proteggi-schermo

L’ultimo consiglio che vi diamo per proteggere la vista dall’uso prolungato del pc riguarda l’utilizzo di dispositivi di protezione. In questo caso le soluzioni a portata di mano sono due:

  • Proteggi-schermo: un filtro progettato per assorbire l’intensità della luce emessa dallo schermo. Questi dispositivi vanno posizionati davanti al monitor al fine di ridurre la luminosità e i riflessi.
  • Occhiali e lenti a contatto: questi filtri protettivi hanno la capacità di ridurre del 15-20% l’intensità della luce che colpisce i nostri occhi.

Che sia smart working o ufficio, siamo certi che seguendo i consigli sarete in grado di arrivare tranquillamente a fine giornata.

I vostri occhi non saranno stanchi, non lacrimeranno in maniera involontaria e voi avrete tutto la serata per godervi un film in compagnia o leggervi un buon libro.

Condividi

Aggiungi un commento