Sesso tra adolescenti: consigli per la prima volta

Pubblicato: 21/08/2017 10:39:35
Categoria: Coppia e Sessualità

sesso tra adolescenti

Il sesso tra adolescenti è un argomento molto discusso. Più o meno ogni anno vengono fatte indagini in merito per capire quello che ruota attorno alla prima volta sia per i maschi, sia per le femmine.

Cosa esce? Che l’età della prima esperienza sessuale completa tende ad abbassarsi. Secondo le stime risalenti al 2014, una quattordicenne su cinque ha già avuto il primo rapporto sessuale.

Si tratta di un trend che riguarda l’Italia ma anche altri Paesi europei, come per esempio la Gran Bretagna e la Francia.

Queste statistiche, in alcuni casi, possono risultare molto lontane dall’immaginario collettivo sugli adolescenti, sempre più disinibiti anche a causa della tecnologia che hanno a disposizione fin dalla più tenera età.

Questo, ovviamente, ha delle conseguenze. Una delle principali è l’aumento degli aborti e delle gravidanze precoci, una realtà sempre più centrale negli ultimi dieci anni.

Come evitare queste situazioni? Lavorando su due fronti, ossia sui giovani e sugli adulti.

Come affrontare la prima volta dei figli

sesso tra adolescenti e prima volta

Il sesso tra adolescenti è un argomento spesso difficile da affrontare da parte dei genitori. L’ansia si fa largo e, in troppi casi, si sceglie di non parlarne.

La principale causa di questo orientamento riguarda l’idea che, parlando di sesso, si possa spingere i più giovani a dedicarsi all’attività sessuale.

Questo non è affatto vero. L’importante, infatti, è parlare di prevenzione e trasmettere il messaggio del sesso come libera scelta.

Se ci si concentra su questi due aspetti, facendo in particolare attenzione alla salute, è facile far capire ai figli alcune delle cose più importanti per iniziare al meglio le esperienze sessuale.

Molto importante è spiegare loro che non c’è nulla di male ad aprirsi in merito. Oggi è particolarmente rilevante prevenire il sexting e il revenge porn, due fenomeni diffusi e molto gravi.

Il primo si basa sull’invio di immagini pornografiche tramite applicazioni di messaggistica istantanea, mentre il secondo prevede la condivisione delle stesse online da parte di persone diverse dal soggetto ritratto intenzionate a metterlo in ridicolo.

Cosa fare se i figli adolescenti evitano il confronto? Non insistere più di tanto. Un consiglio può essere quello di chiedere quando ha intenzione di affrontare l’argomento e di cercare di fissare un limite temporale per riprenderlo.

Un altro suggerimento molto utile consiste nell’invitarlo a parlare del tema con un altro adulto di fiducia.

Un ulteriore capitolo che merita approfondimento quando si parla di sesso tra adolescenti e di consigli per la prima volta dei figli è quello dei rapporti in casa.

Si tratta di un tema che divide. I sessuologi consigliano a chi non ha problemi a lasciare “casa libera” di non entrare nel dettaglio della questione, ma di fare semplici accenni per far capire come è la situazione.

Entrare troppo nel vivo, infatti, può portare a una poco positiva confusione tra l’intimità della coppia di genitori e quella dei figli, che hanno bisogno di sviluppare la propria sessualità a prescindere dalla famiglia.

Come vivere il rapporto con il figlio che ha scoperto il sesso

sesso adolescenti

Quando si discute di sesso tra adolescenti è naturale chiamare in causa la questione del rapporto con il figlio che ha scoperto questo aspetto della vita adulta.

Spesso in tale fase si fa riferimento alle adolescenti che vanno dal ginecologo.

Quando è il momento migliore per la visita iniziale? Senza dubbio dopo la prima volta. Non si può, però, introdurre l’argomento di punto in bianco quando ci si rende conto che la giovane ha avuto il suo primo rapporto sessuale.

Bisogna iniziare a parlarne gradualmente un po’ prima, spiegando che, una volta fatta la prima esperienza, è necessario andare da un medico specializzato per tenere sotto controllo la salute della zona genitale e dell’utero.

Fondamentale è anche interrogarsi sul modo in cui, come genitori, si vive l’inizio dell’esperienza sessuale dei figli. Ovviamente non sempre è facile accettare la cosa, ma bisogna farlo e porre attenzione a evitare certi atteggiamenti.

Uno dei più dannosi è senza dubbio la competizione, che può riguardare sia le madri con le figlie femmine, sia i padri con i figli maschi.

Paragonare le proprie esperienze sessuale a quelle dei figli adolescenti può portarli a vivere male la propria vita intima.

Se ci si sente in difficoltà durante le prime fasi della sessualizzazione dei figli è opportuno aprirsi e chiedere aiuto al partner, a un parente o a uno psicologo.

Cosa fare, invece, con i fidanzatini dei figli? In questi casi è bene mantenere le giuste distanze ed evitare di assumere atteggiamenti troppo amichevoli.

Il genitore più aperto alle esperienze sessuali dei figli rimane sempre un educatore, che ha il compito di guidare l’adolescente in un momento tanto bello quanto delicato della sua vita.

Conclusioni

sesso adolescenziale

Il sesso tra adolescenti è un argomento tanto dibattuto quanto complesso. La rete ha reso accessibili molte informazioni ma ci sono ancora pochi strumenti per gestirle e per vivere l’inizio delle esperienze sessuali in maniera serena e consapevole.

Agli adulti spetta un compito molto importante a tal proposito. Prima di tutto è necessario informarsi sulle evoluzioni tecnologiche, per capire con quali strumenti hanno a che fare i più giovani quando comunicano e si innamorano.

Molto spesso, infatti, ci sono problemi di alfabetizzazione digitale da entrambe le parti. I giovani hanno a che fare ogni giorno con device dei quali non conoscono le potenzialità e i genitori sono nella stessa situazione.

Quando si esercita la funzione di educatori è però fondamentale avere idea su quello che fanno i propri figli online, soprattutto se sono adolescenti alle prime esperienze sessuali.

In secondo luogo è opportuno rassicurarli e spiegare loro che il sesso è qualcosa di bello, un momento di condivisione da vivere quando si è pronti e non una gara di prestazioni.

La paura di avere problemi dal punto di vista del mantenimento dell’erezione o del raggiungimento dell’orgasmo è normale.

Bisogna far capire ai propri figli adolescenti che non è il caso di drammatizzare, che il sesso è una scoperta e che dopo le prime difficoltà si può riprovare e vivere in maniera sempre più serena la propria vita intima.

Condividi l'articolo

Aggiungi un commento

 (con http://)