Menopausa e Sessualità: Come si può gestire il calo del desiderio?

Pubblicato: 11/01/2017 17:03:59
Categoria: Coppia e Sessualità

menopausa

La menopausa è fisiologicamente la cessazione del ciclo, la cui causa è direttamente collegata con il termine dell'attività ovarica.

Molte donne si ritrovano a vivere in modo conflittuale questo periodo a causa degli sbalzi ormonali, del disagio psicologico e della mancanza di libido.

Sicuramente l'approccio mentale della donna ha un peso preponderante nei confronti del fenomeno ma spesso la causa del calo di desiderio è più profonda e intricata.

Ciò non significa che si possa attuare una controtendenza e recuperare la propria vita sessuale, ma è difficile farlo se non si sa come.

Secondo una ricerca statistica circa il 22% delle donne in menopausa soffre del calo del desiderio, di cui la maggior parte con problemi psicologici (approccio negativo al sesso) e fisici (disturbi all'apparato urogenitale).

Questa specifica è importante perché aiuta a comprendere le due origini del calo del desiderio e, in base alla provenienza del proprio disturbo, riuscire ad attuare un cambiamento o una terapia.

Come combattere la menopausa

La prima è sicuramente correlata all'aspetto ormonale.

Con la menopausa si ha un crollo degli ormoni androgeni, i responsabili dell'eccitazione mentale, delle fantasie sessuali, del mantenimento del tono muscolare, del prolungamento del piacere e dell'orgasmo.

Si evince quanto siano fondamentali in una sana relazione sessuale e quali conseguenze comporta la loro riduzione.

Anche l'ipotiroidismo, abuso di alcool e sostanze stupefacenti e l'uso di farmaci antidepressivi, antiipertensivi, antiormonali e chemioterapici può comportare ad uno sfasamento ormonale.

La seconda origine del calo di desiderio è a carattere psico-fisico

menopauda nelle donne

Parliamo di una donna stressata, ansiosa, depressa o soggetta a contesti denigranti e limitanti dal punto di vista sessuale.

Un fattore fisico molto comune in menopausa, circa in una donna su due, è l'atrofia vulvo-vaginale. Questa patologia è caratterizzata da un'alterazione tissutale di vulva e vagina con conseguente secchezza vaginale e dolore durante i rapporti sessuali.

Da molti definita come il killer silenzioso perché fino a pochi anni fa nessun medico ne parlava con la paziente. Si ipotizza che il 60% delle donne affette da questa condizione non ne sia a conoscenza.

Seppure la menopausa comporti una situazione cronica, è possibile alleviare la sintomatologia e stimolare il desiderio. Il consiglio di base è di non lasciarsi affrangere dal mancato appetito sessuale e di non sentirsi meno femminile. 

Il sesso così come la vagina risente dell'astinenza. Nel primo caso comporta la riduzione degli ormoni sessuali in circolo, mentre nel secondo stimola l'atrofia vaginale. Avere rapporti sessuali in questo caso è di fondamentale importanza per non cedere all'apatia erotica e spingere il corpo all'azione.

Per alleviare secchezza e fastidi è possibile aiutarsi con l'ausilio di un lubrificante, se invece si vuole ricorrere ad una terapia farmacologica è consigliabile rivolgersi al proprio medico curante dato che da pochi anni è stata immessa in commercio una pillola in grado di contrastare l'atrofia vulvo-vaginale.

In una coppia il dialogo è fondamentale, chiarire al proprio partner i propri problemi è un ottimo metodo per trovare insieme una soluzione e attuare dei cambiamenti nella vita di coppia (ad esempio prolungare i preliminari o evitare una posizione particolarmente dolorosa).

Anche parlare con un ginecologo o un sessuologo può essere la giusta scelta per poter essere indirizzati in modo corretto.

Qualora si optasse per una terapia è importante portarla a termine e non essere discontinue. La costanza è il miglior alleato per raggiungere un risultato a lungo termine.

Infine perché non ravvivare la vita di coppia aggiungendo qualche elemento innovativo ed eccitante?

Si potrebbero infatti utilizzare dei sex toys o dei gel lubrificanti come quelli prodotti dalla Durex, come il Durex Play Very Cherry Pleasure, il Durex Play Sweet Strawberry, il Durex Top Gel Real Feel, il Durex Lovers Connect, il Durex O, ecc.

Alcune donne cominciano a sentirsi vecchie con l'entrata in menopausa ma questo è il miglior deterrente alla felicità.

menopausa quando arriva

Continuare a prendersi cura di se stesse permette alle donne di continuare a vedersi belle come prima della menopausa e allo stesso tempo si sentirà gratificata degli sguardi maschili.

Piacendo e piacendosi riuscirà ad accogliere le novità in camera da letto con l'entusiasmo giusto e questo porterà la coppia a riscoprire un'intesa sessuale assopita da tempo.

Un gioco erotico con sex toys, un travestimento inaspettato, una cena romantica con cibi afrodisiaci, qualsiasi cosa stuzzichi la fantasia può essere utile e ripristinare gli ingranaggi momentaneamente fermi del cervello femminile.

La menopausa può essere tremenda se la donna non è aiutata o spronata a combatterla, ma con uno spirito positivo e un carattere incisivo è possibile convertire un periodo grigio in una nuova risplendente era.

Condividi l'articolo

Aggiungi un commento

 (con http://)