Illuminare una Stanza Senza Finestre

Pubblicato: 07/02/2018 15:39:01
Categoria: L'Arte di Illuminare

illuminare stanza senza finestre

Non tutte le case hanno una o più finestre per tutte le stanze, può capitare che ci siano degli ambienti ciechi nei quali è impossibile la penetrazione della luce naturale.

In base al luogo in cui è collocata la zona cieca è possibile adottare alcune soluzioni, che garantiscono un'illuminazione corretta durante il giorno.

Inoltre, bisogna ricordare che se la zona cieca è il bagno o un cucinino, oltre a creare un sistema alternativo d'illuminazione, si deve provvedere anche all'installazione di un areatore che consenta il giusto riciclo d'aria.

Vediamo insieme, quali sono i metodi migliori per illuminare una stanza senza finestre. 

1 - Illuminare una stanza senza finestre: L'open space

Spesso ci sono degli ambienti ciechi che possono essere illuminati con la creazione di uno spazio open space.

Ad esempio, se la stanza senza finestre è un salotto o il soggiorno, è possibile aprire un varco nel muro e creare un'ambiente open space.

In questi casi, inoltre, è possibile scegliere delle porte a scrigno che permettono di separare i due ambienti solo nel momento in cui questo si ritiene necessario.

Se invece, la zona cieca deve necessariamente rimanere separata dagli altri ambienti è possibile adottare altre soluzioni d'illuminazione.

Un consiglio, valido per tutti gli ambienti senza finestre è il corretto uso della pittura.

stanza senza finestre

Quando una stanza è particolarmente buia e priva d'illuminazione naturale, dev'essere dipinta di bianco.

Il bianco, infatti, non solo rende l'ambiente più luminoso ma permette anche una visione più ampia della stanza.

2 - Pareti e solai in vetrocemento

Una soluzione, spesso adottata per mantenere separati gli ambienti e al contempo favorire l'ingresso della luce naturale è il vetrocemento.

Questo può essere adottato su una porzione della parete che favorisce l'ingresso della luce dalle altre stanze, senza però, permettere di vedere cosa stia succedendo all'interno.

Al fine di mantenere la privacy, si consiglia sempre d'impiegare il vetrocemento lavorato o satinato.

Se invece, la stanza in cui si vuole installare il vetrocemento, prevede il soffitto adiacente al tetto o al terrazzo, è possibile creare un solaio in vetrocemento.

Questi solai, permettono alla luce naturale di penetrare all'interno della stanza, lasciandola comunque separata dal resto della casa, grazie alle pareti e alle porte che la circondano. 

3 - Crea un controsoffitto retroilluminato

Un lavoro che può essere eseguito per illuminare una stanza senza finestre è il controsoffitto, con all'interno strisce o faretti led retroilluminati che permettono di creare un'illuminazione pacata e ideale anche per vivere la stanza durante il giorno.

Questi sistemi, sono consigliati principalmente nelle stanze senza finestre che vengono utilizzate poco durante il giorno, e il cui utilizzo è destinato alle ore serali. 

4 - Tunnel solari

Una soluzione conveniente e ideale per creare una luce naturale all'interno della stanza sono i tunnel solari.

I tunnel solari sono molto utilizzati nelle soffitte, nelle stanze adiacenti al tetto, e in quelle al di sotto delle terrazze.

I tunnel solari sono delle strutture tubolari in grado di captare la luce del sole dal tetto o dal terrazzo e di lasciarla penetrare all'interno della stanza.

Uno dei vantaggi dei tunnel solari è il non dover utilizzare la luce artificiale per illuminare le stanze che devono essere vissute anche di giorno.

Ad esempio, questa è una soluzione adottata spesso per i bagni cechi, infatti, data la forte penetrazione della luce solare (anche nei giorni nuvolosi), all'interno della stanza, è possibile truccarsi, lavarsi o farsi la barba anche senza accendere la luce.

I tunnel di luce utilizzati per l'edilizia residenziale possono essere installati sia su una terrazza piana sia sui tetti con una pendenza che varia tra i 15 e i 60° gradi.

Questi tunnel, sono la soluzione migliore per illuminare una stanza senza finestre, per i corridoi, i ripostigli, le mansarde ecc...

Condividi l'articolo

Aggiungi un commento

 (con http://)