Gonorrea: cos'è, cause, sintomi e trattamento

Pubblicato: 26/01/2016 16:39:14
Categoria: Coppia e Sessualità

prevenzione malattie sessualmente trasmissibili

La gonorrea è una malattia trasmessa attraverso il sesso costituita da un’infezione delle cellule epiteliali della colonna vertebrale e delle vie urinarie, provocata da un batterio. Da un punto di vista statistico, questo disturbo rappresenta una delle condizioni più gravi al mondo quando ci si riferisce a malattie sessualmente trasmissibili.

In una prima fase iniziale, la gonorrea non causa alcun tipo di sintomo, ma tale considerazione può essere modificata a seconda del sesso.

Se viene curata malamente, può portare a sterilità e dolori cronici; inoltre, se il batterio responsabile dovesse passare attraverso il sangue, si potrebbe andare incontro a complicazioni piuttosto serie, come la meningite, l’artrite e altre patologie pericolose che potrebbero condurre il paziente alla morte.

Tra i sintomi più importanti della gonorrea, troviamo delle secrezioni uretrali dal colore giallo, verde o bianco, con possibili striature di sangue, che ricordano vagamente il pus. Inoltre, si avrà il bisogno continuo di urinare, con una spiacevole sensazione di bruciore durante l’atto.

Significativo il dolore pelvico nella zona inferiore dell’addome e si potrebbe anche percepire un costante bisogno di defecare. Nausea, vomito, febbre e brividi sono altri sintomi piuttosto classici, uniti al dolore durante il coito, all’irritazione della punta del pene e mal di gola.

Come sicuramente avrete avuto modo di capire, la gonorrea è una malattia molto grave, pericolosa e contagiosa. Questa infezione sta aumentando sempre di più, soprattutto tra i giovani.

Inizialmente, le donne non accusano alcun tipo di sintomo, a meno che ci siano già danni seri nell’organismo. Negli uomini la situazione è diversa, poiché nel 95% dei casi ci si accorge subito della malattia, già da pochi giorni o poche settimane.

Nel caso in cui uno dei due partner abbia dei sintomi, è necessario effettuare controlli ad entrambi. Ci troviamo di fronte ad una patologia molto contagiosa e il medico dovrà avvisare l’ufficiale sanitario di competenza, poiché con il passare del tempo potrebbe anche causare danni nei confronti del cuore o generare l’artrite gonococcica.

Negli uomini, è possibile riscontrare prostatite, uretrite ed epididimite; nelle donne, l’infezione può intaccare utero e tube di Falloppio, con conseguente sterilità.

Non è necessario presentare i sintomi sopra descritti per essere affetti dalla gonorrea: nel caso in cui siate sessualmente attivi, potrebbe essere opportuno fare almeno un controllo annuale come tecnica preventiva.

Gonorrea: diagnosi, terapia e medicina alternativa

prevenzione malattie sessualmente trasmissibili

La diagnosi di questa patologia può avvenire attraverso una visita ginecologica, in quando dopo un’attenta analisi della pelvi è possibile notare se la cervice uterina è arrossata o se ci sono secrezioni che provengono da questa zona.

Inoltre, il medico potrebbe chiedere delle colture in merito alle secrezioni, all’uretra, alla faringe o al retto. Nella maggior parte dei casi la terapia è di carattere antibiotico e solitamente il farmaco più sfruttato è la penicillina. Se vi trovate di fronte ad infezioni non troppo complicate, basterà una singola iniezione.

Per lenire il dolore causato da questa patologia potrebbero essere prescritti degli analgesici oltre agli antibiotici. Purtroppo, per via della nascita di nuovi ceppi piuttosto resistenti al trattamento prescritto, potrebbe essere utile aggiungere anche un farmaco che consenta all’antibiotico di essere attivo per più tempo nell’organismo.

Oltre alle classiche terapie mediche fornite sopra, è possibile sfruttare un’altra tecnica curativa piuttosto interessante, destinata a velocizzare la guarigione.

Stiamo parlando della digitopressione, una terapia cinese che consiste nella purificazione dell’organismo tramite massaggi per ripristinare la giusta energia corporea.

Tale trattamento verte nei confronti di una digitopressione nei contri del fegato, sulla zona superiore del piede tra alluce e pollice e sul lato interno della gamba, sopra il ginocchio. Inoltre, potreste anche massaggiare con forza il lato interno della gamba tra tendine di Achille e malleolo.

La medicina cinese ha fatto passi da gigante in questo settore ed esistono numerose erbe cinesi in grado di aiutarvi a risolvere il problema. Tra quelle più accreditate, troviamo la genziana, la radice digitale cinese, il dong quai, il bupleurm, la liquirizia e il ranuncolo cinese.

Detto questo, ci sembra utile aggiungere che la gonorrea potrebbe essere curata anche tramite l’omeopatia e la fitoterapia.

Nel primo caso, ci troviamo di fronte a soluzioni in caso di aggredire i batteri responsabili della malattia, rendendo più forte il sistema immunitario. Nel secondo caso, via libera a calendula, mirra e Tuhja per diminuire sia le infiammazioni che le secrezioni, assunte tramite infusi. T

ra le varie soluzioni alternative non possiamo trascurare l’alimentazione, poiché il medico potrebbe suggerire un periodo di 13 giorni di digiuno per purificare il vostro corpo. In questo modo potrete eliminare tutte le tossine, consumando succo di melograno e mirtillo o un mix di sedano, cetriolo e prezzemolo.

Via libera agli yogurt o ai fermenti lattici per riequilibrare la flora intestinale modificata dagli antibiotici. Tra i rimedi fai-da-te, potreste utilizzare una borsa del ghiaccio per diminuire il dolore addominale o fare applicazioni calde e umide sulle articolazioni infette.

Condividi l'articolo

Aggiungi un commento

 (con http://)