Differenze e Caratteristiche dei Filtri per Sigarette

Pubblicato: 09/09/2015 14:11:40
Categoria: L'Angolo del Fumatore

Scegliere il filtro giusto per la propria sigaretta rollata è fondamentale per gustare appieno il tabacco e il suo aroma: chi si è da poco avvicinato al mondo dei tabacchi, forse non lo sa, ma in commercio esistono svariati modelli di filtro dalle dimensioni più varie.

filtri per sigarette

Scegliere un filtro "grosso" piuttosto che uno sottile incide notevolmente sul gusto della sigaretta rollata e sulla sua aspirazione.

Il filtro è il componente che evita di inspirare tutto il fumo, comprese le sostanze nocive che si trovano nel trinciato: è un elemento per molti imprescindibile ma non per tutti, sono ancora tanti infatti quelli che preferiscono fumare le sigarette senza filtro, come si faceva un tempo.

Ad ogni modo, noi consigliamo sempre di utilizzare i filtri, questo per evitare che nei polmoni e nell'organismo si accumulino dosi eccessive di componenti dannosi per la salute.

Caratteristiche dei Filtri per Sigarette

Detto ciò, ragionando per massimi sistemi, è facile intuire come un filtro più fine svolga al meglio la sua funzione di barriera e permetta il passaggio di una quantità minore di tabacco.

Più il diametro si fa ampio, più aumenta la portata dell'aspirazione. Attualmente in commercio sono disponibili filtri nelle misure:


Sono disponibili anche dimensioni intermedie, ed è incredibile pensare come pochi mm di differenza tra un filtro e l'altro influiscano tanto su una sigaretta: resterete sorpresi da come vi sembrerà diverso fumare una rollata con un filtro slim e fumare la stessa, con la stessa quantità di tabacco e con la stessa cartina, utilizzando, invece, un filtro regular.

Filtri migliori

Inoltre, cambia anche la tecnica di rollaggio, perché con i filtri slim e ultraslim il fumatore è portato a fare la rollata a bandiera: questo significa che viene eliminata una discreta quantità di carta in eccesso e anche di tabacco, rendendo la sigaretta più leggera.

Differenze tra Filtri Slim, Ultraslim, Regular e in Carta

Le differenze tra i filtri, però, non finiscono con la loro dimensione, perché a svolgere un ruolo di primaria importanza nel confezionamento e nel gusto delle sigarette c'è anche la tipologia, spesso non presa in considerazione come si dovrebbe.

E' possibile scegliere tra filtri incartati e filtri non incartati, chiamati anche lisci (i primi) e ruvidi (i secondi). Nella sostanza, la differenza tra i due filtri non esiste ma la presenza o meno della carta nel filtro risulta essere importantissima nelle operazioni di rollaggio, e il motivo è presto detto.

I filtri di carta si presentano più lisci e scivolosi e questo può rappresentare un ostacolo se non si è particolarmente pratici: una sigaretta girata male, infatti, non è soddisfacente da fumare e per utilizzare i filtri incartati, se non si scelgono le cartine di tipo B, occorre un'ottima manualità.

rizla slim

Il motivo è che la carta, essendo liscia, non crea nessun attrito con la cartina, facendo scivolare il filtro e non permettendo un rollaggio regolare della sigaretta, con il risultato che si rischia di ottenere un prodotto disomogeneo, schiacciato e mal chiuso, che non giova al gusto.

Inoltre, chi è abituato a fumare senza filtro trova più agevole rollare utilizzando i filtri lisci, per un motivo molto semplice: grazie a questi il tabacco entra raramente in bocca, anche se accelerano il processo di ingiallimento delle dita, particolarmente antiestetico.

Andando ad analizzare le differenze specifiche tra i filtri, si capisce come il tutto sia lasciato al libero arbitrio del fumatore e ai suoi gusti personali: la differenza tra i filtri sta nella quantità di tabacco e nella portata dell'aspirazione per quanto riguarda il diametro e nella facilità o meno di rollaggio per quanto concerne il rivestimento.

Quali sono le marche migliori di Filtri per sigarette?

Facendo, invece, un discorso qualitativo sulle marche che commercializzano i filtri per sigarette, le differenze tra un brand e un altro si fanno sentire in particolar modo dal punto di vista della qualità costruttiva.

Tra i fumatori più esperti, per esempio, vanno di gran voga quelli prodotti dalla Gizeh o dalla Rizla: si tratta di modelli incartati, quindi lisci, che sfruttano l'azione dei carboni attivi.

smoking filtri in carta

Questo sistema è disponibile esclusivamente per i filtri incartati, che compattano meglio il filtro e permettono l'inserimento di piccole sfere all'interno la cui funzione dichiarata è quella di filtrare un maggior numero di sostanze nocive trattenendole all'interno, senza però alterare il sapore e l'aroma della sigaretta, aspetto particolarmente importante per i cultori più integralisti dell'arte del rollaggio.

A livello commerciale sono particolarmente diffusi anche i classici filtri lisci e ruvidi della Rizla e della Smoking, i più comuni e classici, adatti sia a principianti che a esperti. Inoltre, tra i filtri Raw in carta, sono presenti i caratteristici filtri pre-rollati, senza cloro e senza sbiancanti, che assicurano una fumata piacevole e rilassante.

Condividi l'articolo

Aggiungi un commento

 (con http://)