Spedizione gratis: come ottenerla

Sei un Rivenditore o Installatore? Richiedici il listino

Tabaccheria o Rivendita?

Spedizione solo 5€ Spedizione solo 5€
Spedizione Gratuita sopra i 59€ Gratuita sopra i 59€
Consegna in 1-2 giorni Consegna in 1-2 giorni
Reso gratuito fino a 31 giorni Reso gratuito fino a 31 giorni
Sconti quantità Sconti Quantità
Coupon e premi Coupon & Premi
 Risparmi più di quanto pensi Risparmi più di quanto pensi
Senza abbonamenti annuali Senza abbonamenti annuali

Come illuminare la scrivania per studiare meglio

Da: Silvia - Categoria: L'Arte di Illuminare

come illuminare la scrivania

Esami, compiti in classe, interrogazioni o test d'ammissione impongono agli studenti regimi di studio serrati, obbligati a stare per ore con i nasi incollati ai libri; sicuramente illuminare la scrivania nel migliore dei modi è un piccolo ma efficace aiuto per rendere meno faticose queste ore, aiutando gli occhi a non stancarsi eccessivamente.

Ecco quindi i nostri consigli su come illuminare la scrivania per studiare meglio (e non affaticare gli occhi).

 

Quali lampade utilizzare per illuminare la scrivania e studiare meglio?

Per prima cosa posizioniamo la scrivania sotto la finestra.

Non di lato (altrimenti il sole potrebbe creare ombre fastidiose mentre sorge o tramonta) ma nemmeno di spalle: la soluzione migliore è posizionare la scrivania sotto la finestra, in modo da averla di fronte.

Aggiungere una tenda bianca aiuterà a non avere i raggi del sole dritti negli occhi, ma nello stesso tempo illuminerà adeguatamente libri e quaderni.

Posizioniamo quindi i punti luce: la soluzione migliore è averne almeno due: uno diffusivo per la stanza e uno a fascio diretto per la scrivania.

Per prima cosa troviamo quindi una lampada da soffitto che riesca ad illuminare in maniera adeguata tutta la stanza.

Questa luce sarà indispensabile per evitare ombre nei lati del nostro campo visivo, evitando di sforzare eccessivamente gli occhi.

A questa luce va però aggiunta un'altra tipologia di illuminazione, quella a fascio diretto.

Questa fonte luminosa andrà posizionata sopra la scrivania per illuminare in maniera più efficace i libri e i quaderni che abbiamo sotto agli occhi, che altrimenti sarebbero adombrati dalla nostra testa.

Possiamo utilizzare tre tipi di illuminazione da scrivania: le lampade a scrivania e le lampade a muro. Scopriamole insieme per vedere qual è la più adatta a noi.

 

Lampade a parete per illuminare la scrivania.

illuminare la scrivania con lampada a parete

Le lampade a parete sono la soluzione più adatta per chi vuole illuminare la scrivania senza ingombri o semplicemente per uno stile più pulito e minimalista.

Il vantaggio principale è quello di non rubare spazio a libri e quaderni, perché l'ingombro è collocato solamente sul muro.

Come svantaggio ovviamente c'è l'impossibilità di direzionare la lampada come più preferiamo; una soluzione potrebbe però essere quella di trovare una lampada a parete con testa ruotabile, in grado di avere una mobilità sufficiente per lo studio di routine.

E se nella stessa scrivania studiano due persone? Una lampada a doppia testa ruotabile è la soluzione più adatta per una scrivania in cui lavorano in contemporanea due studenti.

In questo modo ognuno di loro potrà direzionare la luce come meglio crede, senza disturbare lo studio altrui.

Questa tipologia di lampade è perfetta per chi effettua uno studio solo di tipo teorico, senza la necessità di scrivere o disegnare.

 

Lampade da scrivania per studiare meglio

come illuminare la scrivania

Come illuminare la scrivania con una lampada classica? Semplice, utilizzando una lampada da tavolo adatta allo studio.

Questa tipologia di illuminazione da scrivania è la più diffusa sul mercato: semplici e comode, sono diventate anche un elemento di design all'interno delle nostre abitazioni.

Come funzionalità sono sicuramente le più adatte allo studio di qualsiasi tipologia: permettono di effettuare lavori di precisione grazie alla loro grande versatilità, in quanto possono essere allontanate o avvicinate ai fogli quanto lo desideriamo.

Lo svantaggio principale di questo tipo di illuminazione è, invece, l'ingombro. Soprattutto se abbiamo una scrivania piccola e compatta potremo avere difficoltà a posizionarla dove desideriamo.

 

Qual è la scrivania perfetta per studiare?

Dopo aver valutato la tipologia di illuminazione più adatta allo studio, dovrete pensare a una scrivania in grado di supportare le maratone più intense di matematica e letteratura.

Il nostro consiglio è quello di evitare una scrivania bianca o con una finitura lucida; entrambe le soluzioni rispecchierebbero troppo la luce delle lampade, riflettendosi in maniera fastidiosa e dannosa contro i nostri occhi.

Molto meglio utilizzare una scrivania classica in legno chiaro e opaco, in grado di non riflettere la luce ma nemmeno di assorbirla troppo.

 

Luce calda, fredda o neutra: qual è la luce più adatta per studiare?

Per illuminare la scrivania nel migliore dei modi non bisogna solamente considerare il tipo di supporto, ma anche il colore della luce. 

La luce più adatta a non affaticare la vista rimane quella solare, in grado di mantenere il corretto spettro di intensità luminosa; durante i mesi invernali o nelle ore serali abbiamo comunque il bisogno di illuminare adeguatamente la nostra zona studio.

In questo caso la scelta più adeguata per non affaticare gli occhi e la vista è quella della luce neutra, la più vicina allo spettro luminoso del sole, compresa tra i 3500 k  e i 5.500 k.

La luce calda distorcerebbe troppo i colori, mentre quella fredda avrebbe delle fastidiose tonalità tendenti all'azzurro.

La neutra rimane una luce bianca e incolore, adatta per sessioni di studio intense e prolungate.

 

Se non sapete quale lampadina scegliere puntate su delle lampadine LED speciali.

Alcune lampadine LED infatti (come le JEDI LIGHTING) possono addirittura modificare la loro luce in base alle esigenze del momento.

In questo modo è possibile passare dalla modalità LAVORO alla modalità RELAX senza aver bisogno di cambiare lampadina.  

come illuminare la scrivania

Quale tipo di lampadina utilizzare per lo studio?

Una volta scelto il porta lampada e la scrivania, è ora di selezionare anche il tipo di lampadina da avvitare.

Vi sconsigliamo di utilizzare una lampada alogena perché affatica gli occhi e, con il passare del tempo, può causare una diminuzione della vista.

Le lampadine LED hanno invece il vantaggio di non irradiare luce ultravioletta, quindi non affaticano gli occhi mantenendoli in salute anche dopo diverse ore di utilizzo.

Organizzate quindi la vostra scrivania al meglio, in modo da conciliare l'estetica con la funzionalità.

Condividi

Aggiungi un commento