I Colori della Luce Possono Influenzare il Tuo Umore!

Pubblicato: 03/11/2015 16:10:33
Categoria: L'Arte di Illuminare

cromaticità

Avreste mai pensato che i colori della luce possono influenzare il vostro stato d’animo? Ebbene sì, ed è proprio di questo che vogliamo parlarvi oggi.

Il nostro umore è in grado di reagire in diversi modi a seconda dei colori, anche a quelli artificiali prodotti dalla luce.

Di conseguenza, tale considerazione accresce la responsabilità quando ci troviamo di fronte alla scelta di una particolare tonalità da introdurre nella nostra abitazione o in qualunque altro spazio.

I vari toni della luce possono modificare il nostro umore, non solo dal punto di vista negativo, aumentando lo stress, ma anche da un punto di vista decisamente positivo, ovvero favorendo il rilassamento e spingendo un cliente ad acquistare un determinato tipo di prodotto.

Quando progettate una luce, dovrete seguire alcuni parametri fondamentali per raggiungere l’effetto desiderato, quali la funzionalità della luce, i materiali adoperati e la durata di accensione.

Poniamoci di fronte a un semplicissimo esempio: avete deciso di creare una soluzione luminosa in grado di far risplendere tutto il vostro negozio, oppure desiderate valutare quale colore scegliere per la vostra cucina.

Ci troviamo di fronte ad ambienti piuttosto significativi, considerato il fatto che non si tratta di zone comuni o corridoi.

Non tutti i sistemi d'illuminazione sono uguali!

Influenza colore su umore

Con questo, vogliamo dirvi che non tutti i sistemi d’illuminazione sono uguali e bisognerà scegliere quello più opportuno a seconda dello spazio.

Se nel vostro spazio ci sono tantissimi tessuti o piete originali, la luce agirà dal punto di vista della riflessione e dell’assorbimento.

Di conseguenza, i colori migliori da impiegare devono essere poco saturi e possibilmente tenui. Grazie all’illuminazione è possibile personalizzare ogni singolo ambiente ed è molto importante che il sistema adottato si adatti alla perfezione con quanto contenuto.

Nel caso in cui vi troviate di fronte a situazioni in cui la luce rimane accesa per poco tempo, il suo colore non è importante e non agirà nei confronti del vostro umore.

Ogni tonalità presente in natura o in commercio ha la possibilità di produrre effetti emotivi diversi nei confronti degli esseri umani e, per questa ragione, bisognerà sceglierli con molta cura, studiando per bene che cosa si andrà a fare nello spazio da illuminare.

Solo in questo modo il colore sfruttato potrà regalare sensazioni piacevoli in una precisa stanza. Parliamo delle tonalità calde, poiché sarebbero in grado di generare azioni stimolati e di incrementare il battito cardiaco e la frequenza respiratoria.

Tale scelta potrebbe essere indicata per ambienti che richiedano una reazione attiva e vitale, favorendo l’allegria, l’attività mentale e la concentrazione. Gli ambienti perfetti? Lo studio, la cucina e anche il soggiorno.

Per i toni freddi è meglio dedicarsi a zone rilassanti, dove è possibile distendersi e allontanare lo stress per qualche minuto.

In questo caso, gli spazi predominanti sono le camere da letto, le zone dedicate alla musica e alla televisione.

Tuttavia, cercate di non esagerare con la temperatura di colore che andrete a utilizzare, in modo da evitare che lo spazio risulti troppo asettico, quasi come se fosse lo studio di un ambulatorio medico.

Condividi l'articolo

Aggiungi un commento

 (con http://)