Caffè Corretto: Tutti i modi per gustarlo

Pubblicato: 05/07/2016 12:30:26
Categoria: Il Piacere del Caffè

preparazione del caffè

Il caffè corretto è un must dell’italian life, ma da anni ormai, l’idea della pausa caffè è diffusa in tutto il mondo allo stesso modo.

Il caffè espresso è una delle espressioni più colorate e del nostro modo di vivere e il suo aroma intenso e il gusto vivace lo rendono un ingrediente indispensabile delle nostre giornate.

Il classico caffè espresso ha assunto, nel tempo, una vera e propria identità personale ed è stato associato a molti ingredienti capaci di esaltarne il gusto, variandone l’aroma.

Proprio per spezzare la monotonia sono nati i caffè corretti, cioè caffè uniti a liquori vari.

L’idea del caffè corretto è nata in Italia ma lo shot si è subito diffuso ed ha assunto caratteristiche differenti in base alle regioni, infatti, ognuna ne ha creato una versione e le preparazioni si differenziano in base ai gusti e alle abitudini delle diverse zone della penisola.

Caffè Corretto alla Grappa

caffè corretto alla grappa

La ricetta di base del caffè corretto ha avuto origine in Italia settentrionale, probabilmente a causa del clima rigido che invogliava a bere liquori ad alta gradazione per riscaldarsi.

Nel nord dell’Italia, infatti, si aggiungeva al caffè della grappa, uno dei prodotti tipici della regione settentrionale.

Preparare questo tipo di caffè corretto era davvero semplicissimo. Di base, si poteva scegliere se il caffè dovesse essere lungo o ristretto e bastava aggiungere circa 5 ml di grappa per creare questa variante del caffè corretto.

Questo shottino settentrionale è stato il primo di una lunga serie di varianti e la grappa da inserire poteva cambiare quantità a seconda dei gusti di chi lo beveva.

Per ottenere il risultato migliore, si preferiva una grappa che fosse derivata da molti vitigni poiché le grappe che sono estratte da un solo vitigno, spesso hanno un sapore troppo intenso e si rischierebbe, aggiungendone, di rovinare il gusto cremoso del caffè.

Il motivo per cui si preferisce la grappa derivante da più vitigni è perché il suo sapore è più morbido ed il suo gusto più aromatico e meno intenso.

Caffè Corretto all'Anice

caffè corretto all'anice

A partire da questo caffè corretto, sono state inventate moltissime varianti infatti se quella con la grappa è la variante di caffè corretto più popolare al nord Italia, al meridione invece, soprattutto nel Salento, la variante più consumata è quella del caffè corretto all’anice.

L’anice è un liquore dal sapore molto simile a quello della sambuca e ha un retrogusto fresco e pungente.

Questa correzione è talmente utilizzata nei bar del Salento che i gestori hanno quasi come abitudine quella di mettere sul bancone una bottiglia di anice a disposizione della clientela per poter correggere in maniera autonoma il proprio caffè.

Altre Correzioni di Caffè Diffuse in Italia

caffè corretto al brandy

Altri tipi di liquore col quale poter correggere il caffè sono il Brandy o il Baileys a seconda del palato di chi lo corregge.

Questi ultimi due liquori hanno un sapore molto più dolce e delicato e rendono il caffè pastoso esaltandone la corposità.

Il gusto morbido di questi liquori rende la correzione del caffè una vera delizia addolcendo il retrogusto intenso e amaro del caffè.

Se invece il vostro palato è più robusto e preferite i sapori più forti ed intensi, si potrebbe optare per caffè corretti al wiskey liscio o un più robusto rum.

Uno dei caffè corretti più diffusi in tutta Italia resta comunque il caffè corretto alla sambuca, il quale, grazie alla gradevole gradazione alcolica lascia in bocca un pizzicato liscio in grado di sollecitare qualsiasi tipo di palato finanche a quelli più raffinati e delicati.

La sambuca ha un gusto amaro e dolce allo stesso tempo e viene servita nei modi più disparati: la potreste trovare servita con un chicco di caffè che galleggia in superficie o anche con una spolverata di cacao o ancora con una copertura di nocciole e crema di gianduia sul bordo.

L’abbinamento caffè sambuca resta quello più speziato e sicuramente il più conosciuto e diffuso, al punto che, in uno dei bar più importanti di Londra lo hanno inserito nel menu come prodotto speciale firmato made in Italy.

Chiunque si avvicini al caffè corretto e voglia provare l’ebrezza di gustarne il piacere vibrante, ha bisogno di tener presente il tasso di zucchero presente nei liquori, infatti, il loro sapore dolciastro è da non mischiare con lo zucchero raffinato, il quale, finirebbe per rendere fin troppo dolce lo shot.

A parte quelli elencati è possibile correggere il caffè con molti altri tipi di liquore e per sapere quali sono quelli più adatti a tal fine, basta prestare attenzione solo a piccole ma essenziali caratteristiche.

I migliori liquori per dare vita a dei buoni caffè corretti sono tutti qui liquori dal colore ambrato e che siano stagionati da almeno venti anni, il che renderà l’aroma del liquore di riferimento molto più intenso senza però trascendere in retrogusti dal carattere forte e troppo amaro.

In ogni caso, questi liquori vanno aggiunti nel caffè a temperatura ambiente e l’ideale sarebbe fare il caffè e lasciarlo raffreddare per almeno venti minuti.

Il caffè e i liquori vanno mescolati a questa temperatura per fare in modo che si amalgamino e rendano la mescolanza uniforme ed integra dal punto di vista del sapore.

A volte, si preferisce aggiungere ai caffè corretti dello zucchero di canna, questo perché, essendo meno dolce di quello raffinato, stimola la fusione dei sapori esaltando al massimo quello della caffeina.

Caffè Corretti Regionali

caffè alla moretta di fano

Tra i caffè corretti su base regionale più famosi in Italia c’è di sicuro il caffè alla maraschino.

Il maraschino è molto noto al nord Italia ed è un liquore derivato dalla fermentazione dei noccioli di amarena, il suo gusto è molto dolce e allegro ed è l’ideale per chi ama i sapori esotici.

Altro caffè corretto tipo del nord Italia è quello alla bicerìn. Il bicerìn è un liquore che ha come ingredienti di base il cioccolato e il gianduia ed è molto noto soprattutto ai Torinesi che, nei loro bar storici, lo vedono sfrecciare in grande quantità sui banconi di legno insieme a delle scorzette di limone per pulirsi il palato prima di gustarne il sapore.

Nelle Marche invece la fa da padrone la Moretta. La base di questo caffè corretto è composta da rum, anice e brandy mescolati a scorzette di agrumi come arancio e limone fino a formare una crema dolce e densa su cui viene poi versato delicatamente il caffè, in modo da non far mescolare i due strati.

Il Caffè Corretto all Estero

Uno dei caffè corretti italiani che è diventato un vero e proprio must in Francia e nei paesi dell’ovest europeo è il cafè-calva.

Questo caffè è definito così per l’etimologia della parola arrosè che in francese vuol dire "annaffiato".

Il Calvados con il quale è corretto questo caffè è un famoso e pungente sidro di mela che rende questo caffè corretto molto inusuale e raffinato.

Il caffè corretto nella versione spagnola, invece, prende il nome di Caffè all’Orujo.

Questo caffè è nato al tempo in cui gli spagnoli conquistarono il nuovo mondo e mescolarono in maniera del tutto casuale il caffè con il rum per creare una bevanda in grado di riscaldarli dalle fredde e lunghe notti di battaglie contro gli Indios americani.

Quando questo caffè corretto fu portato in Spagna poi, ebbe un evoluzione e venne creato il caffè corretto all’orujo che è una sorta di acquavite derivata dalla fermentazione dell’uva delle terre Galiziane.

Considerazioni Finali

I caffè corretti sono una soluzione simpatica nelle grandi cene di famiglia e nei ritrovi tra amici, versatili e adatti ad ogni circostanza sono l’ideale per gustare ed esaltare il piacere delle pause caffè o stimolare la digestione.

Non si può però correggere il caffè con qualsiasi tipo di liquore, bisogna infatti ricordare che sono da sconsigliare i liquori dal retrogusto fruttato che andrebbero a cozzare con l’aroma della caffeina e anche quei liquori agli agrumi come limoncello o aromi all’arancio.

Altri liquori da sconsigliare se si vuole bere un buon caffè corretto sono il gin e la vodka i quali, essendo troppo amari, non darebbero agli shot il giusto retrogusto.

Insomma in qualsiasi modo si preferisca bere il caffè corretto, le varianti sono molteplici ed adatte a qualsiasi tipo di palato. Nuove creazioni poi sono sempre dietro l’angolo e vanno sperimentate tutte. :-)

Condividi l'articolo

Aggiungi un commento

 (con http://)